Giornata nazionale del gatto

17 febbraio giornata nazionale del gatto

Il 17 febbraio è la giornata nazionale del gatto.

La festa del gatto esiste dal 1990.

  • Febbraio è il mese del segno zodiacale dell’Acquario, ossia degli spiriti liberi ed anticonformisti, termini che nel mondo animale sono da sempre associati al gatto.
  • Febbraio, nella tradizione popolare, è definito “il mese dei gatti e delle streghe” creando la suggestiva unione tra questi due elementi.
  • Il numero 17, nella tradizione popolare italiana, è considerato portatore di sventura, come anche alcune razze e colorazioni di gatto.
  • La sinistra fama del numero 17 è determinata dall’anagramma del numero romano, che da XVII, si trasforma in “VIXI” ovvero “sono vissuto” e di conseguenza “sono morto”.
  • La figura del gatto si lega nuovamente al numero 17 perché, secondo la leggenda, il gatto può vivere diverse vite e quindi 17 diventa “1 vita per 7 volte!”

Ecco 17 curiosità sui gatti.

1) IL SONNO DEI GATTI

I gatti dormono da 16 a 18 ore al giorno. Ma il loro sonno è decisamente più leggero di quello degli esseri umani, per questo restano sempre vigili e pronti a reagire ad ogni stimolo.

17 febbraio giornata nazionale del gatto

2) SAPORI

I gatti non possono percepire il sapore dolce. Provare a dividere il vostro cioccolato con loro sarebbe un gesto d’amore ben poco apprezzato.

3) I GATTI BIANCHI

La maggioranza dei gatti bianchi con gli occhi azzurri è sorda. Quelli con un solo occhio azzurro, cioè quelli con l’eterocromia, sono sordi dal lato di quell’occhio, mentre i gatti bianchi con gli occhi gialli non manifestano questo problema.

4) CASTRAZIONE

La castrazione può estendere la durata delle loro vite di due o tre anni.

5) ANNI DA GATTO

Ogni anno umano corrisponde a circa sei anni di vita per un gatto. Un micio di vent’anni sarebbe un rispettabile ultracentenario nel nostro mondo!

6) TRICOLORI

Quasi tutti i gatti tricolori sono femmine. Nei maschi si tratta di un’anomalia genetica molto rara.

7) MUSICA

I gatti apprezzano i suoni acuti, mentre quelli bassi risultano aggressivi e poco gradevoli al loro udito.

8) CASA DOLCE CASA

I gatti sono fermamente convinti di essere i padroni della casa in cui vivono. Gli umani sono solo coinquilini.

9) BAFFI

I baffi servono ai gatti per misurare le distanze e sono in totale 24, raggruppati in gruppi da 4. Non si tratta di peli, ma terminazioni nervose che servono per sondare l’ambiente e, combinati con l’olfatto finissimo, consentono loro di identificare le prede anche a distanze notevoli.

10) CIBO E TOILETTE

Dopo aver mangiato i gatti si lavano immediatamente: si tratta di un istinto primordiale di sopravvivenza che li porta a nascondere l’odore del cibo ai predatori per non essere attaccati.

11) ARTIGLI

I gatti hanno cinque artigli sulle zampe anteriori, ma solo quattro su quelle posteriori.

12) SNIFF SNIFF

I gatti detestano l’odore di cipolla e di aceto.

13) LINGUA

La lingua dei gatti è composta da piccoli “ganci”, che servono sia a lacerare il cibo che a lavarsi.

14) DIETA

La dieta ideale di un gatto dovrebbe contenere una certa dose di grassi, perché il loro corpo non ne produce.

15) COLORI

giornata nazionale del gatto

Convenzionalmente si crede che i gatti non siano in grado di distinguere i colori. Recentemente è stato invece dimostrato che sanno vedere perfettamente il blu, il verde e il rosso.

16) INDIETRO NEL TEMPO

Il gatto apparve sulla Terra prima del cane e di molti animali diventati da compagnia, ma fu uno degli ultimi ad essere addomesticato.

17) FARE LE FUSA

Quando un gatto fa le fusa non significa necessariamente che sia rilassato. Il gatto emette lo stesso identico suono anche per rassicurarsi quando è spaventato.